“Litri di tisane, come se lì potessi affogare i miei pensieri…”

cielo palazzi

di Gresia Agosta

foto: Filippo Toscano

 

Come primo intervento per Archivio Immaginazione, abbiamo scelto di pubblicare il brano di Gresia Agosta, che ha 25 anni ed è di Modica, in Sicilia; qui ci improvvisa un piccolo dialogo con sé stessa, un botta e risposta inconscio o forse conscio, chi lo sa?

Si vede da ogni parola che scrivere la sta aiutando a capirsi un po’ di più, a snodare i pensieri e dargli un ordine. Chissà, forse ha scritto queste parole su una nota del cellulare o su un foglio bianco, guardandosi allo specchio, pettinando i pensieri per dargli forma, creare una bella acconciatura per sentirsi meglio.

O magari, semplicemente, ha scritto guardando fuori dalla finestra, sorseggiando una tisana…:

Litri di tisane, come se lì potessi affogare i miei pensieri.

Tra una pagina e l’altra dei miei libri.

“Perfetto!” Ripeto a me stessa…quale periodo migliore per riuscire a superare un grosso esame.

E poi puntualmente:

“Finirà davvero?”

“Quando?”

“Ce la faremo?”

Questa è una delle riflessioni che ho posto nero su bianco sulle pagine del mio piccolo “diario”.

In questi giorni sono pensieri comuni, tutto intorno ci appare fermo e sembra inevitabile non avere simili riflessioni. Eppure, io una salvezza ce l’ho!

Se non posso scrivere, poco importa, mi basta fermarmi e guardare fuori.

“Ma vedi solo palazzi…” No, a quelli non faccio caso, io vedo solo il cielo.

“Ma non puoi andare a mare.” E io so com’è fatto il mare, mi manca vederlo ad occhi nudi ma nella mia mente esiste, basta solo pensarlo e sento persino le onde e la brezza che mi accarezza la pelle.

“Come si fa ad essere felici dentro, se la giornata è buia e cupa fuori?” Difficile, certo, una bella giornata ti mette di buonumore, ma è dalle nuvole che puoi trarre i disegni migliori, è con la pioggia che puoi sbarazzarti dei tuoi malumori peggiori.

L’aria è gelida nonostante il sole, eppure il suo calore è uguale a quello di diverse settimane fa, prima che un qualcosa di sconosciuto invadesse le nostre vite.

In questi giorni, la verità è che nessuno riesce più a farlo proprio quel calore; si è soliti pensare più a quello che è stato tolto, che percepire quanto è stato lasciato. E quello che ci è stato lasciato, che nessuno potrà mai toccare, è la nostra immaginazione.

“Ma ti allontana dalla realtà!” No, te la rende più leggera, questa realtà.

Ed è già sera, e mi consola pensare che in fondo, di notte, tutti abbiamo le ali.

Ed è mattino, e mi consola pensare che in fondo, tutti abbiamo imparato a volare.

Io non ho mai smesso di sognare un attimo.

Non ho mai messo a tacere la mia fantasia.

E così, me la cavo.

Gresia Agosta (@gresiaagosta)

 

Niente da aggiungere, grazie Gresia.

Anna Toscano

Per info e aggiornamenti, seguiteci anche sulla nostra pagina Instagram.

Buon primo aprile a tutti.

#immagINAZIONE #storiediordinariaquarantena

Foto e grafiche: Filippo Toscano

 

Un pensiero su ““Litri di tisane, come se lì potessi affogare i miei pensieri…””

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...