“Il tramonto era finito…”

di Giorgia Deidda; artwork: Lorenzo Mattotti

I

Eravamo sul pontile,

tra il viottolo ed il lungosenna.

La scarpata era ripida.

C’era una vecchia casa in rovina,

che dava direttamente sull’acqua.

Esalava un sentore di alito soffocante

e tra nave e nave

si moveva appena

qualche tremulo riflesso.

E da lì si sentiva una musica

che pareva la voce mia

quando ti sussurravo all’orecchio.

Il tramonto era finito;

porsi l’orecchio al mite lamento del merlo –

dovevamo andare.

II

Libagione di corpi,

la mano tende verso il cielo.

Non è di ruggine che mi interessa parlare,

ma di terreno, bagnato

d’acqua sporca e nera

di edere che s’inerpicano nel mio ventre,

scudo di parole infette

e i miei occhi che parlano, acquosi,

con una nebbiolina che sfoca il tuo viso,

perdutamente ed amaramente mio.

III

Sono gli occhi,

quelli da cui traspare l’infinito, la vastità degli astri,

l’impalpabile, ignoto etere.

Da ogni cosa nasce un’apertura,

– un paralume verde di vetro mi osserva quando dormo -.

La tenera, sentita premura che traspare dai tuoi occhi è come balsamo.

Guarderò l’infinito dentro di te.

IV

Il singulto, il mugolio

della tenebra convulsa,

due fili finissimi di sangue

dagli angoli della bocca,

uno spasmo bluastro

che le tolse il respiro.

Così cedette alle brutture inconcepibili,

fittizie,

brutture contemplative;

questa notizia

mi tolse letteralmente il respiro

per un attimo:

Io,

non ero più.

So poco della notte:

una marcescenza che tremula

mi rende tutti i pensieri della giornata,

un’estate spenta,

un’oscurità che nebulosa

mi solletica i nervi;

solo nel nero il malvagio è contento

e spira schietto e non affrettato,

ché la notte è lenta e aspetta,

è una muffa

è una pleiade di fiori,

un formicaio di stelle.

Ma io non

l’ho mai

capita.

Nel ventre la serpe

ricresce ricurva;

un osso sanguinante,

mentre il cielo gronda

profumo, quanto ne esalerebbero i morti.

Non avevo mai pensato

alla sua bocca tirata in dentro

come l’apertura

di una gronda.

I morti, gli insepolti, gli uccisi,

i caduti, i dannati

giacciono come cadaveri

illuminati dal grande faro;

andarono via tutti e due

più vivi che morti

– il sorriso sulle labbra a dire –

io,

esisto ancora.

Dannate le ombre, le nebbie cupe, i bagliori densi e carichi, pesanti come rocce,

dannati gli sprazzi, i vapori,

tutto ciò che non mi fa vedere il tuo viso.

Triste Plutone,

signore delle fiamme sulfuree

che eruttano i ribollenti monti etnei,

governatore delle pene

e dei torturatori delle anime dannate,

che te ne fai lì da solo,

nell’eternità?

Aiuta due poveri amanti a ricongiungersi, carduchi,

senza privarli della loro felicità in vita.

La schiavistica illusione

è quella che permane,

per la mia

sopravvivenza.

Giorgia Deidda (@gio__de)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...