“L’inverno striscia gelido fra le ossa…”

Artwork: Mario Londono (@mariolondono) 

di  Chernyy Chelovek (@Pierrót)



Io

e il desiderio ultimo

di abbracciare l'aldilà

ci baciamo di nascosto, nelle notti insonni.

Che m'importa di sfregarmi fra centomila cosce?

Centomila braccia nella mia testa

si protendono per soffocarmi.

Ora sono un sommo, ora giullare.

Quest'inverno striscia gelido fra le mie ossa

e il freddo intorpidisce l'anima, nella solitudine.

Cosa sarà della mia vita?

E della mia morte?

Voglio gettarmi dalla finestra

ma per stendermi come panni sporchi,

strappati e malconci

sui fili dell' oblio.

‘Ché il creatore non mi aspetta,

e nemmeno Lucifero.

Cosa allora? e quando?

Non voglio brillare del ricordo

d'una antica e defunta luce, come gli astri.

Nè sedermi a raccontare storie come la luna.

Ogni mio passo pesa.

Sulle rotule pesa la pancia,

sulla pancia pesano le spalle,

sulle spalle pesa la testa,

sulla testa pesano i pensieri,

ed io peso sul globo,

che mi incita a volare o a gettarmi.

I miei affanni diventano nube di fumo

che ingurgito nuovamente e così all'infinito.

Nulla finisce, tutto muta.

Ma la carne qui chiede carne,

ed io non ho altro che fumo.

E sono insaziabile.




Chernyy Chelovek (@Pierrót)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...