“A ccore annuro…”

Di Antonio Farina @simandmas_poesie;

artwork: @nina.barnini


Ogge ‘o cielo è scuro, ‘a staggiona sta pe ffernì, ce sta salutanno.
Me ne vaco cammenanno a rriva ‘e mare.
Quanti vvote aggio passiggiato, a ppiede scaveze ‘ncoppa a ‘sta spiaggia, mentre tu passiggiave dint’ ê penziere mjie.
Me torna a mmente ‘e quanno pazziavamo a llassà ll’impronte cu ‘e piede dint’ â rena.
Comme t’aggia dì, te sto parlanno a ccore annuro.
Mentre tu pazziave, cu ‘o surriso, hê lassato n’impronta, ca nun se po ccancellà, dinto ô core mio.


Antonio Farina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...